Con In realtà, la poesia non vogliamo canonizzare il contemporaneo, né privilegiare una forma di poesia o poetica o una interpretazione di realtà che ne escluda e discrimini altre. Ci piace pensare a questo progetto come a una convergenza di sguardi e sensibilità diverse, in grado di recepire la poesia come uno strumento interpretativo della realtà alternativo ai paradigmi ed al discorso dominanti, restituendole dignità e credibilità
Menu 
Saggi
PER UNA METACRITICA DELLA RAGIONE POETICA: RAINER MARIA RILKE, ADAM ZAGAJEVSKI, OSIP MANDEL'ŠTAM

PER UNA METACRITICA DELLA RAGIONE POETICA: RAINER MARIA RILKE, ADAM ZAGAJEVSKI, OSIP MANDEL’ŠTAM

Rainer Maria Rilke poeta dell’invisibile Il momento più alto delle Neue Gedichte (1907) lo si trova nella poesia «Orfeo. Euridice. Ermete»; quando Rilke fa tentare a Ermete l’impossibile contatto tra il visibile (il vivente) e l’invisibile (il morto), il tentativo fallirà. Euridice e Orfeo ormai appartengono a due sfere dell’Essere invincibilmente separate e incomunicanti. Euridice...
Sulla poetica di Marco Munaro: per una classificazione provvisoria

Sulla poetica di Marco Munaro: per una classificazione provvisoria

Operando un’energica semplificazione, le direttrici di fondo della poetica di Munaro si potrebbero ridurre alle seguenti: il recupero empatico-memoriale dell’infanzia, che non coincide in lui, o solo in minima parte, con un’età spensierata e felice: in questa chiave, per esempio, si possono leggere numerosi titoli della silloge Il portico sonoro[1], per non parlare della sezione...
L’ «ESILE MITO» DEL POETA FONTI SERENIANE ED INTERTESTUALITÀ

L’ «ESILE MITO» DEL POETA FONTI SERENIANE ED INTERTESTUALITÀ

Premessa Interrogarsi sulla poesia di Sereni significa anche considerare i rapporti intessuti con maestri e compagni di viaggio. I nomi che si incontrano nel corpo e negli immediati dintorni della sua poesia sono i più importanti della nostra letteratura novecentesca, quelli intorno a cui si è consolidato il cosiddetto canone, nel quale il poeta di...
L’allarme ipnotico di Cristina Annino

L’allarme ipnotico di Cristina Annino

[Proseguiamo la pubblicazione dei saggi finalisti al Premio IRLP per la Critica. Dopo Burratti, è la volta di Pietro Roversi, che si cimenta in un’analisi semantica approfondita di Andante pesante con abbandono, uno dei testi più significativi di Cristina Annino. Abbiamo apprezzato in particolar modo la chiarezza estrema e la minuziosità analitica del saggio. Tuttavia,...
«RIBALTAVO ELUDEVO» La poesia di Sereni e Zanzotto negli anni dell’avanguardia.

«RIBALTAVO ELUDEVO» La poesia di Sereni e Zanzotto negli anni dell’avanguardia.

[Dopo il saggio vincitore di Silvia Morotti, proponiamo quello di uno dei finalisti, Simone Burratti. Il saggio si concentra sul difficile ma fecondo rapporto fra due tra i maggiori poeti del nostro novecento, Vittorio Sereni e Andrea Zanzotto, e le coeve neoavanguardie – Novissimi in primis. Benché l’approccio e la struttura risentano di una impostazione tesistica...
“Un odore stranamente vuoto”. La poesia del primo Novecento e le maschere dell’io lirico

“Un odore stranamente vuoto”. La poesia del primo Novecento e le maschere dell’io lirico

[ Dopo qualche settimana di fermo, riprendono oggi le pubblicazioni con il saggio “Un odore stranamente vuoto. La poesia del primo Novecento e le maschere dell’io lirico” a firma di Silvia Morotti, vincitrice della prima edizione del “Premio per la critica IRLP 2014”. Il saggio ci è sembrato interessante e inusuale, multiforme e ricercato, verificabile e...